Vin Santo DOC 0.50L

11,7513,50 + IVA

Vin Santo DOC 2012 Toscano bottiglia da 0.50L

Vin Santo DOC dei monti albani Quarrata Toscana - bottiglia da 0.50L

Il vino viene venduto in due tipi di confezioni:
CHS503 - Vin Santo DOC 2012 Toscano bottiglia da 0.50L confezione da 3 bottiglie
CHS506 - Vin Santo DOC 2012 Toscano bottiglia da 0.50L confezione da 6 bottiglie

Prodotto dalla famiglia Banci fin dal 1890 con procedimento tramandato dall’antica tradizione toscana, è un vino dal profumo intenso e sublime, dal color ambra con riflessi dorati.

In periodo di vendemmia, dalle vigne a bacca bianca di Trebbiano, San Colombano e Malvasia del Chianti, i vendemmiatori più esperti scelgono le migliori ciocche d’uva fra quelle più mature, più esposte al sole, e con gli acini più radi e buccia più dura.

CHS503 - CONF 3 BOTTIGLIECONF 6 BOTT
Clear

Confronta
SKU: PD-0006-CHS503/6-VIN-SANTO-DOC-050L Categories: , Tags: , , , , ,
Report Abuse

Vin Santo toscano DOC 2012 – bottiglia da 0.50L

Vin Santo DOC 2012 dei monti albani Quarrata Toscana – bottiglia da 0.75L

Il vino viene venduto in due tipi di confezioni:
CHS503 – Vin Santo DOC 2012 Toscano bottiglia da 0.50L confezione da 3 bottiglie
CHS506 – Vin Santo DOC 2012 Toscano bottiglia da 0.50L confezione da 6 bottiglie

Vin Santo DOC dei monti albani di Quarrata in Toscana, prodotto dalla famiglia Banci fin dal 1890 con procedimento tramandato dall’antica tradizione.
Un vino dal profumo intenso e sublime, dal color ambra con riflessi dorati.

Vendemmia e spremitura

In periodo di vendemmia, dalle vigne a bacca bianca di Trebbiano, San Colombano e Malvasia del Chianti, i vendemmiatori più esperti scelgono le migliori ciocche d’uva fra quelle più mature, più esposte al sole e con gli acini più radi e la buccia più dura.
L’uva raccolta viene ripulita manualmente da eventuali acini secchi o non completamente sani. La selezione è talmente oculata che ogni anno di circa 900 quintali di uva ne vengono presi solo 30 per la produzione del Vin Santo.

L’uva selezionata, chiamata tradizionalmente “lo scelto”, viene portata nella vinsantaia, locale a bassa umidità appositamente costruito per essere particolarmente areato.
Qui l’uva viene appoggiata delicatamente su stuoie di canne, la particolare attenzione a non rompere gli acini è dovuta al pericolo del marcimento che è causa di un abbassamento della qualità del prodotto finito.
Per poter sfruttare maggiormente gli spazi, le stuoie vengono sovrapposte formando quello che viene definito un “castello da governo”.
L’obiettivo di questi procedimenti è, infatti, far perdere all’uva la parte acquosa conservando quella zuccherina senza però comprometterne la sanità.

Per tradizione, sotto le feste natalizie ed avendo cura di scegliere il periodo di Luna calante (in linguaggio contadino detta Luna “dura”), tolti i raspi e scartati eventuali acini ammuffiti, è il momento di spremere l’uva ormai passita.

Vinsantaia – Il vino diventa Santo

A questo punto non siamo neanche a metà dell’opera, il mosto appena ottenuto viene messo nei “caratelli”, piccole botti di legno solitamente di rovere o castagno dalla capienza variabile di 50-200 litri.
E’ importante che il caratello non sia nuovo, devono essere usati caratelli in cui un tempo veniva affinato vino rosso, ci vogliono anni prima che un caratello diventi idoneo alla produzione di Vin Santo.
Particolare cura deve essere posta nel riempire il caratello: il mosto non deve superare i due terzi del volume sopportato e la parte superiore dei caratelli, lo “zaffo”, dev’essere murata con del cemento per non sottoporre il mosto ad eccessiva ossigenazione.
Non è necessario più ossigeno di quello che penetra inevitabilmente dai pori del legno.
Sul cemento viene inoltre impresso l’anno di produzione.

Anche i caratelli vengono tenuti nella vinsantaia, questo perché il liquido deve subire tutte le variazioni termiche legate al susseguirsi delle stagioni per almeno 4 anni.
Passato questo periodo i caratelli della stessa annata vengono stappati e dagli “zipilli”, fori sulla parte bassa, esce del Vin Santo grezzo.
Da ogni caratello si ricava soltanto 1/5 di liquido atto a divenire Vin Santo del Chianti D.O.C., mentre il rimanente è fondata non utilizzabile.
Ogni caratello ha trasformato il Vin Santo Toscano in modo peculiare: da uno può sgorgare un liquido più secco, da un altro più ambrato, ma solo mescolandoli tra loro si ottiene una parvenza di continuità di gusto.
A questo punto ha solo bisogno di decantare in recipienti di vetro o di acciaio per il periodo necessario, in media 2 anni, ad acquistare la sua brillantezza tipica.

Il Vinsanto è da gustare

Dopodiché il nostro compito è finito ed è il momento di chiamare gli ispettori del Consorzio Vino Chianti per l’ufficializzazione: questi prelevano i campioni, ne analizzano le caratteristiche organolettiche e dopo l’approvazione il nostro Vin Santo è finalmente pronto per essere imbottigliato e bevuto.

Una tradizione di famiglia diventata una passione, un procedimento decisamente lungo che vale la pena percorrere alla lettera… assaggiare per credere.

Per saperne di più

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 0.1 × 0.1 × 0.30 m
CONFEZIONE VINO

CONF 3 BOTTIGLIE, CONF 6 BOTTIGLIE

Be the first to review “Vin Santo DOC 0.50L”

Reviews

There are no reviews yet.

Vendor Information

Main Menu

11,7513,50 + IVA

Add to Cart